Rate this Content 0 Votes

Gira sgabello e sassosi i tasti

come toccare un feltro consunto

sapesse di muffa, per dire

Nero o Bianco.

 

Forse l'amico è Nero senza sapere

di luce o castelli od ombrinali

nelle finestre rosate.

 

Togliere grate e disperazione fluire

in queste note uncinate, piantate

in mezzo al sereno, proprio sul greppio.

 

Infine è solo follia quella che, strana,

la pavida essenza amicale - ma di quale

temperatura - raffredda ad aria

l'inconscio...

 

(1987)