Rate this Content 0 Votes

Ma viene anche il tempo del mietere

se le ortiche son troppo cresciute

e pungono i lividi maturi per sorte.

 

È qui che si vuole il silenzio.

Il giovane scabro sa quanto costa

il guardare e non getta

monete nel pozzo.

 

Invece la scala corsara scende sempre

più giù senza bellezze o giulive

di cent'anni, piangenti Natura.

 

Ritorno alle ombre, care ombre al tramonto:

che si può fare senza voi? Diaspro

disperato ha spezzato il diamante e

non c'è sorte a tenere.

Il margine intatto è impuro,

sinistro rifratto e svenduto.

 

(1987)