Rate this Content 0 Votes

Laudatio è il sommo

Di cuspide avventata

Ove integra non è figura

Di neve

Che vedere non possa

quaggiù, tra i respiri

affanni di lamento trionfale.

 

Gradino più alto è sorprendere

il sale del riso con poca struttura,

e sugli ordini angelici

contare

per udire che canti

impossenti, inodori

contano assai più dei conti.

 

Ma più eccelso è

Scendere a terra

E vedere in rumori di sorgente

Un volto

Di donna con bimbo

Che anfore sbrecche

Riflettono a presa.

 

Acqua, non smettere

Di scorrere

celeste per gli occhi.

 

5 Novembre 1999.